Le ricette di Luca – Amaranto croccante

La Vacanza al Mare è Bio – LAP 599
20/11/2013
Vivere insieme: condividere il quotidiano – Da Natale a Befana in Garfagnana 2013/14
26/11/2013

Le ricette di Luca – Amaranto croccante

L’amaranto è così gustoso da poter essere mangiato in ogni modo. I suoi semi sono un alimento ricco di proteine, sali minerali e fibre, di elevato valore biologico ed è molto indicato per i celiaci ma anche per chi soffre di problemi digestivi o intestinali. L’amaranto è una pianta originaria dell’ America centrale, dove veniva coltivata già dalle civiltà precolombiane e, a oggi, i più grandi paesi produttori sono Messico e Sudamerica. Questo è il 15esimo appuntamento con le ricette di Luca, il cuoco delle Vacanze di Tra Terra e Cielo.

Vuoi assaggiare e imparare a preparare in vacanza la cucina bio macro vegan Luca? Il nuovo appuntamento è dal 4 al 6 gennaio 2014, al Rifugio Isera nel Parco nazionale dell’Appenino Tosco-Emiliano, con la riproposizione del corso aperto a tutti.

Ingredienti per 4 persone:

Amaranto: 300 gr
Sale: q.b
Carta forno

Preparazione:

Cuocere l’amaranto in 3 parti d’acqua leggermente salate per 40 minuti .Una volta cotto stenderlo sottilmente su carta da forno e infornarlo sino a che non diventi croccante. La temperatura del forno sarà di 180 gradi.

(15/continua)

LEGGI LE ALTRE RICETTE:
Bulgur al curry
Bietola con tofu strapazzato
Crema di cannellini
Crema di cavolfiore
Crema pasticcera
La cecina
Cipolle al forno
Carote e daikon con semi
Farro con lenticchie
Finocchi alla curcuma
Seitan con radicchio
Vellutata di zucca
Seitan al limone
Avena e lenticchie

Luca Camilli cuoco di cucina naturale salutare, dopo tanti anni trascorsi nei ristoranti d’Italia e d’Europa, si è avvicinato con curiosità alla cultura vegetariana e macrobiotica. E’ rimasto affascinato dalla semplicità, dalla bontà e dall’energia degli numerosi alimenti offerti generosamente dalla terra. Ama ricordare che «noi siamo quello che mangiamo».
 

 

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *