Le ricette di Luca – Finocchi alla curcuma

Shin Tai, il massaggio è energetico
31/07/2013
La piscina? Meglio senza cloro
28/08/2013

Le ricette di Luca – Finocchi alla curcuma

Una ricetta semplice in grado di conquistare tutti i palati. I finocchi alla curcuma sono un piatto veloce, colorato, economico ed originale. La curcuma è un elemento importante e prezioso, adatto a tutti i tipi di alimenti: carne, pesce, frutta e verdura. Il suo segreto è la capacità di incidere sulla riuscita di un piatto senza modificarne il gusto. E come non rimanere stupiti davanti al colore che regala ai piatti?.
Questo è il decimo appuntamento con le ricette di Luca, il cuoco della Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo.
Vuoi assaggiare in vacanza la cucina bio macro vegan Luca? Scegli la tua settimana nella Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo a Capalbio, sulla costa toscana.

Ingredienti per 4 persone:

Finocchio: 2
Porri: 1
Curcuma: 1 cucchiaino colmo
Olio extra vergine d’oliva: q.b
Sale: q.b

Preparazione:

Affettare i porri e i finocchi finemente, lavarli accuratamente. Versare un filo d’olio in una padella (preferibilmente d’acciaio), aggiungere la curcuma mescolando bene. Se necessario diluire con un po’ di acqua calda,unire i porri e a fuoco basso farli stufare. Aggiungere i finocchi, un po’ di acqua calda, salare e servire al dente.

(10/continua)

LEGGI LE ALTRE RICETTE:
Bulgur al curry
Bietola con tofu strapazzato
Crema di cannellini
Crema di cavolfiore
Crema pasticcera
La cecina
Cipolle al forno
Carote e daikon con semi
Farro con lenticchie

Luca Camilli cuoco di cucina naturale salutare, dopo tanti anni trascorsi nei ristoranti d’Italia e d’Europa, si è avvicinato con curiosità alla cultura vegetariana e macrobiotica. E’ rimasto affascinato dalla semplicità, dalla bontà e dall’energia degli numerosi alimenti offerti generosamente dalla terra. Ama ricordare che «noi siamo quello che mangiamo».
 

 

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *