Le ricette di Luca – Crema di cannellini

Tutti con il naso all’insù: arriva la luna rosa
22/06/2013
L’estate è ad alta quota
25/06/2013

Le ricette di Luca – Crema di cannellini

Terzo appuntamento con le ricette di Luca, il cuoco della Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo. Questa volta presentiamo un piatto per tutti i palati: la crema dei fagioli cannellini.
Molto diffusi in Italia, dalla forma quasi cilindrica e di colore bianco, i cannellini sono particolarmente adatti a essere essiccati.

Vuoi assaggiare in vacanza la cucina bio macro vegan Luca? Scegli la tua settimana nella Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo a Capalbio, sulla costa toscana.

Ingredienti per 4 persone:

Fagioli cannellini: 200 gr
Alga kombu: 1 striscia
Olio extravergine: 2 cucchiai
Sale marino integrale: q.b.
Prezzemolo: 1 pugno
Semi misti oleaginosi (girasole, zucca, lino, sesamo): 1 cucchiaio

Preparazione:

Scolare e sciacquare bene i fagioli precedentemente ammollati per 24 ore, riempire la pentola dove cuocerete i cannellini con 3 dita d’acqua e posizionarvici l’alga kombu tagliata a pettine. Dopo 5 minuti aggiungere i fagioli e il doppio di volume d’acqua, cuocere per almeno 90 minuti. Tritare i semi e fare un battuto di prezzemolo. Una volta che i fagioli saranno cotti scolarli tenendo da parte l’acqua di cottura e sistemarli in un contenitore alto e stretto. Con l’aiuto di un minipimer frullarli, aggiungendo il sale, l’olio, i semi e un po’ d’acqua di cottura sino ad arrivare alla densità voluta. Quando la crema sarà tale aggiungere il prezzemolo tritato.

(3/continua)

LEGGI LE ALTRE RICETTE:
Bulgur al Curry
Bietola con tofu strapazzato

 

Luca Camilli cuoco di cucina naturale salutare, dopo tanti anni trascorsi nei ristoranti d’Italia e d’Europa, si è avvicinato con curiosità alla cultura vegetariana e macrobiotica. E’ rimasto affascinato dalla semplicità, dalla bontà e dall’energia degli numerosi alimenti offerti generosamente dalla terra. Ama ricordare che «noi siamo quello che mangiamo».

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *