Amaranto, la pianta dai fiori eterni ed elisir dei celiaci

La Via Francigena è adesso un film
04/11/2016
Ballare nella natura occhi negli occhi: è magia
06/11/2016

Amaranto, la pianta dai fiori eterni ed elisir dei celiaci

Senza troppe aspettative ho messo in bocca una manciata di piccoli chicchi per poi strabuzzare gli occhi: che sapore dolce e gradevole! La scoperta è diventata sorpresa quanto mi è capitata tra le mani una favola senza tempo: “La rosa e l’amaranto” di Esopo.

Si legge testualmente:

«Un amaranto cresciuto vicino a una rosa le disse: “Che splendido fore sei tu. Ti desiderano gli dei e gli uomini, ti invidio per la tua bellezza e per il tuo profumo”.

“O amaranto”, gli rispose la rosa, “io non vivo che pochi giorni e anche se nessuno mi recide, appassisco; ma tu forisci e vivi sempre così, in perenne giovinezza”».

Sì, perché l’amaranto è la pianta dei fiori eterni, quelli che hanno la caratteristica di “non morire mai“, come scriveva Plinio il Vecchio nella sua Storia naturale. I suoi fori rossi sembrano non spegnersi mai (amaranto in greco significa non avvizzisco): conservano il loro colore anche se la pianta appassisce.

Originario del centro America, l’amaranto è tutto commestibile: i suoi chicchi sono consumati come i cereali e le foglie della pianta possono essere mangiate a crudo come insalata o lessate come una comune verdura. In cucina l’amaranto è molto versatile e si presta a essere cotto per assorbimento in una quantità d’acqua doppia rispetto a quella degli altri cereali. Ma ho scoperto che siamo in tanti a mescolarlo con riso o grano saraceno e ad averne apprezzato le virtù nella preparazione di dolci e creme.

Perché preferirlo? Ce lo spiega la nutrizionista vegana Marina Ottaviani, secondo cui tra i cereali, l’amaranto «è il più ricco di proteine» e soprattutto è il solo a portare con sé «un aminoacido essenziale, la lisina, di cui gli altri sono carenti». Nella lista dei consumatori ci sono i vegetariani e gli sportivi perché «è molto digeribile, ricco di fibre e ha un indice glicemico più basso rispetto agli altri cereali» ed «è ricco di magnesio, utile per il sistema muscolare e nervoso». Nell’elenco dei beneficiari ci sono i bambini, grazie alla farina di amaranto ottima per preparare le pappe; gli adulti, soprattutto nei casi di stress, malattia, convalescenza; gli anziani in cerca di un alimento rimineralizzante. Infine è molto gradito dai celiaci per l’assenza di glutine.

 

 

LA RICETTA: AMARANTO CROCCANTE

L’amaranto è così gustoso da poter essere consumato in ogni modo. I suoi semi sono un alimento ricco di proteine, sali minerali e fibre, di elevato valore biologico ed sono molto indicati per chi soffre di problemi digestivi o intestinali. L’amaranto è una pianta originaria dell’America centrale, dove veniva coltivata già dalle civiltà precolombiane e, a oggi, i più grandi paesi produttori sono Messico e Sudamerica. Proviamo a scoprire ingredienti e preparazione dell’amaranto croccante.

Ingredienti per 4 persone:

Amaranto: 300 gr
Sale: q.b.
Carta forno

 Preparazione:

Cuocere l’amaranto in 3 parti d’acqua leggermente salate per 40 minuti. Una volta cotto stenderlo sottilmente su carta da forno e infornarlo sino a che non diventi croccante. La temperatura del forno deve essere di 180 gradi.


 

Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *