Le ricette di Luca – Seitan con radicchio

Al cinema con lo zaino (seconda parte)
31/08/2013
Capodanno 2014 a piedi. Intorno al Lago di Bolsena
02/09/2013

Le ricette di Luca – Seitan con radicchio

Il seitan è un alimento molto utilizzato nella cucina vegetariana e ha un gusto delicato e una consistenza morbida e vellutata. Il consiglio è di provarlo per scoprire nuovi sapori. Il piatto di questa settimana è di facile preparazione e garantisce un risultato aprrezzabile da tutti i palati.
Questo è l’undicesimo appuntamento con le ricette di Luca, il cuoco della Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo.
Vuoi assaggiare in vacanza la cucina bio macro vegan Luca? Partecipa all’ultima settimana della Vacanza Mare 2013 di Tra Terra e Cielo a Capalbio, sulla costa toscana.

Ingredienti per 4 persone:

Seitan: 400 gr
Radicchio: 2 palle
Porro: 1
Olio di semi di girasole: q.b
Sale: q.b
Semi misti oleaginosi tritati: q.b

Preparazione:

Tagliare finemente il porro e il radicchio, lavarli e scolarli bene. Affettare il seitan a cubetti di 1,5 cm di lato. Tritare i semi misti e metterli da parte; spennellare d’olio il fondo di una casseruola e farlo andare a fuoco basso. Aggiungere il porro e farlo stufare piano piano, versare il seitan, salare mescolando il tutto. In caso risulti asciutto allungare con un po’ d’acqua, quindi unire il radicchio, i semi e amalgamare il composto per 1 minuto.

(11/continua)

LEGGI LE ALTRE RICETTE:
Bulgur al curry
Bietola con tofu strapazzato
Crema di cannellini
Crema di cavolfiore
Crema pasticcera
La cecina
Cipolle al forno
Carote e daikon con semi
Farro con lenticchie
Finocchi alla curcuma

Luca Camilli cuoco di cucina naturale salutare, dopo tanti anni trascorsi nei ristoranti d’Italia e d’Europa, si è avvicinato con curiosità alla cultura vegetariana e macrobiotica. E’ rimasto affascinato dalla semplicità, dalla bontà e dall’energia degli numerosi alimenti offerti generosamente dalla terra. Ama ricordare che «noi siamo quello che mangiamo».
 

 

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *