Pietro, Alì e Totò: le risposte sono nel cammino

«La carne ha fatto più danni delle guerre»
12/11/2015
Parigi, i brividi che vogliamo | Guarda qua
14/11/2015

Pietro, Alì e Totò: le risposte sono nel cammino

Quando parli con loro, ti accorgi che ripetono più volte le stesse parole. Eppure Pietro, Alì e Totò non hanno un granché in comune per carattere e formazione, se non il tesserino di guida ambientale nella tasca. Il primo, brigante buono della Tuscia e della Maremma, ha un faccione carnoso e sorridente, ritratto preciso di quel che sarebbe potuto essere un senatore della repubblica di Roma. Ma forse non avrebbe mai indossato una fresca toga nivea, preferendo anche allora la natura intima e selvaggia ai freddi e distaccati marmi delle curie. Il secondo, Alì, è un uomo più spirituale. Sa bene che la luce del deserto allevia i timori e le perplessità degli uomini e molto spesso è come un balsamo e una benedizione. Totò, infine, è l’incarnazione della sua Puglia. Anzi, del suo Salento, terra arsa e sassosa con un’anima di acqua dolce sotterranea. C’è chi dice che gli assomigli, e con ragione.

A ben vedere, un punto in comune ce l’hanno. Tutti e tre invitano a camminare proprio a Capodanno. Quando si parte all’alba di ogni nuovo anno, il primo passo è sempre un gesto fondativo. Pochi sanno perché ci si mette in viaggio proprio a Capodanno. Per cercare una vacanza intelligente? Per quella forza vitale che ci spinge ad andare avanti? O semplicemente per cambiare aria? Dopo aver camminato tra rudi paesini o sulle dune del deserto o su strade bianche, la risposta, assicurano i tre, arriva sempre.

Pietro è la guida del viaggio intorno al Lago di Bolsena, tra Umbria e Lazio. «È un percorso in senso antiorario del bacino vulcanico più grande d’Europa – ci tiene e precisare –. Percorriamo sentieri poco battuti e calpestiamo poco, pochissimo asfalto». Il viaggio è consigliato «a chi vuole iniziare a camminare» perché «la proposta è semplice e adatta a tutti». Padre di due figlie, Pietro Labate è in grado di adorare contemporaneamente la compagnia e la solitudine. Il suo percorso è iniziato oltre trent’anni fa come guida volontaria del Wwf di Viterbo. Da lì, il cammino lo ha condotto a diventare guardia oasi e dal 1999 guida ambientale escursionistica perché «è la cosa che mi riesce meglio».

Alì Daimin è nato nel deserto del Marocco e ha trascorso da nomade i suoi primi sei anni di vita. Da quelle parti le persone sanno cos’è la calma: nessuno pensa che ci sia bisogno di parlare a voce più alta e più in fretta del dovuto. Dopo aver conseguito la laurea in storia e geografia, Alì è andato alla ricerca della pace, della tranquillità e della semplicità di vita, che ha trovato nell’oceano di sabbia del Sahara. Il passo verso la condivisione dell’esperienza di questo luogo magico è stato spontaneo. E allora indossa gli abiti tradizionali, s’infila i sandali di cuoio, sella i cammelli e parte con i camminatori per far conoscere lo stile di vita dei padri e dei nonni.

Il suo non è un mestiere per tutti. Come si fa a orientarsi nel deserto? Dopo un paio di chilometri non ci sono più né strade né piste. Ma una buona guida ci riesce. E poi i berberi hanno capacità logistiche straordinarie. Ogni giorno bisogna caricare sui cammelli ogni cosa, comprese le tende fatte di enormi teloni di stoffa in cui si alloggia nella notte. Per i nomadi impacchettare è evidentemente un’arte. Infine, come ci spiega, c’è sempre un grande stupore tra i camminatori nello scoprire quante cose si possono preparare in una piccola cucina mobile da deserto, solo con un tajin di latta e un fornello a gas.

Una curiosità: nel deserto farsi la doccia è un lusso superfluo. Certo, prima o poi ci si vuole anche sbarazzare della sabbia che entra in tutte le fessure del corpo, ma l’aria è così secca che anche la più piccola goccia di sudore si asciuga immediatamente, e non si puzza.

Sempre nel profondo Sud, ma questa volta italiano, incontriamo Totò Inguscio, guida ambientale, speleologo e naturalista. In genere è un tipo di poche parole ma camminando si trasforma in loquace oratore. Ama profondamente la sua terra e anche se la percorre tutti i giorni in lungo e in largo, riesce ancora a strabuzzare gli occhi. Ed è allora che si apre per raccontarne la bellezza. Il suo cammino di Capodanno conduce alla partecipazione a uno spettacolo astrale e simbolico: la prima alba dell’anno.

 Se ci si sveglia presto, la ricompensa è un orizzonte speciale con il sole che spunta dall’altra parte del Canale, sopra le terre a Oriente. Siamo a Punta Palascia, nel Salento, vicini ai Balcani, e due sponde diverse dello stesso mare si destano in contemporanea: «Camminare di notte è emozionante ed è un’esperienza che auguro e consiglio a tutti. È un modo divertente e salutare per accogliere il nuovo anno nell’armonia della notte, senza il frastuono che tanto spaventa gli animali, domestici e selvatici. Ed è anche un invito a uscire dai soliti schemi». Insomma, «niente baraonde, schiamazzi e feste piene solo di rumore, ma una serata silenziosa, da passare immersi nella natura, lontani dal caos e dalle luci cittadine. La zona scelta per il viaggio di Capodanno è tra le meno antropizzate del Salento, ci si muove tra vecchie carraie, strade romane, antichi tratturi, scogliere a picco sul mare per arrivare a Punta Palascia».


 

Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it

 
RIFERIMENTI:

 Viaggi a piedi a Capodanno 2016 – Marocco, Salento, Bolsena


TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *