Qual è il cibo di ottobre? | Verso la Festa d’Autunno

Dieci uomini e il grande sogno di un viaggio a piedi
01/08/2016
Appuntamenti agosto 2016 | L’Appuntalapis LIX
20/08/2016

Qual è il cibo di ottobre? | Verso la Festa d’Autunno

No spreco: l’arte del riciclo in cucina. Silvia Petruzzelli, consulente di alimentazione naturale, è la protagonista della domenica pomeriggio della Festa d’Autunno 2016. Il riciclo passa anche e soprattutto dalla cucina e dalle nostre tavole. Spesso e volentieri siamo inconsapevoli protagonisti di spreco di cibo semplicemente perché non sappiamo cosa farcene. E qui entra in scena Silvia con racconti e dimostrazioni di come la cecina, la torta di pane e le polpette vegane siano meravigliosi esempi di riciclo in cucina. In attesa di ascoltarla, vederla all’opera, prendere appunti, fare domande e mettere in pratica i suoi consigli, qual è il cibo di questo mese di ottobre? Come cambiare alimentazione per non incorrere nei malanni di stagione?


Durante l’estate abbiamo mangiato cibi rinfrescanti, abbiamo introdotto il freddo nel nostro corpo, per bilanciare il caldo esterno. In autunno, dobbiamo far sì che il freddo interno lasci il posto al caldo. Se non lo facciamo noi, lo farà il nostro organismo, attraverso raffreddori: un modo per far uscire l’eccesso di liquidi, di umidità. Non è un caso che la natura si dipinge di colori caldi. Abbiamo bisogno di cambiare l’energia del nostro cibo, per assecondare l’equilibrio alla base della nostra salute.

Riduciamo i cibi crudi e la frutta, scegliendo solo di stagione. Ora più che mai no ai frutti tropicali. Poca frutta, meglio se cotta con kuzu. Ovviamente, niente zucchero e prodotti raffinati. Una precisazione: lo zucchero di canna è sempre zucchero! E se non è specificato integrale è sempre raffinato! In ogni caso, se pur integrale (meglio di quello bianco o dello zucchero di canna grezzo) è sempre saccarosio. E non pensiate che il fruttosio sia meglio (anzi!).

Basiamo sempre la nostra alimentazione prevalentemente su cibi vegetali, con cereali non industrialmente raffinati, verdure (di stagione!) e un po’ di legumi. Facciamo attenzione anche ad olio (specie se crudo) e farine cotte al forno, che creano muco, e ai cibi secchi. Aiutiamoci con zuppa di miso, con un po’ di zenzero (un piccante equilibrato) che ci aiuta a far uscire, riso integrale (che ci asciuga). Il riso è il cereale dell’autunno. Ma non cuociamolo in pressione, per non sollecitare troppo le energie di questa stagione (che se in squilibrio possono portarci a un po’ di malinconia).

Polmone e intestino crasso sono gli organi di questa stagione. Prendiamoci cura di loro! Sono loro che ci permettono di utilizzare al meglio le energie del periodo, portando dentro di noi e conservando ciò che ci è utile, lasciando andare ciò che non ci serve. È grazie a loro che possiamo crescere e trasformarci in persone migliori!

Silvia Petruzzelli

Socia fondatrice di Olos, associazione culturale che promuove uno stile di vita semplice e naturale, basato su un’alimentazione gustosa ed etica,  Silvia Petruzzelli nutre (è proprio il caso di dirlo) una grande passione per l’alimentazione naturale ed energetica, che approfondisce attraverso lo studio della macrobiotica. Ha conseguito ha frequentato il Centro Macrobiotico di Renè Levy “Cuisine et Santè” a Saint Gaudens (Francia), corsi con il professore Franco Berrino (Istituto Tumori di Milano), Giovanni Allegro a Cascina Rosa (Istituto Tumori di Milano), Francisco Varatojo direttore del Istituto Macrobiotico del Portogallo. Con la partecipazione alla Festa d’Autunno 2016 il suo curriculum diventerà un po’ più lungo.

Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it


RIFERIMENTI:

Festa d’Autunno 2016

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *