Ci sono spezie che curano le malattie

Noa: «Meno bombe più amore»
11/01/2015
La lettura collettiva delle Vie dei Canti di Bruce Chatwin | Guarda qua
15/01/2015

Ci sono spezie che curano le malattie

Chi ha mai sentito parlare di spezie che guariscono? Dalla cannella ai chiodi di garofano, dal rosmarino al basilico, sono in tante ad avere poteri curativi e preventivi. Alcune proprietà si perdono nella leggenda, altre sono state scientificamente dimostrate. Siamo davanti a medicine naturali e vegetali che custodiscono il loro principio attivo nella corteccia (cannella), nel frutto (pepe) o nei semi (noce moscata).

Ad esempio, utilizzare una parte di radice di zenzero in alcuni alimenti aiuta la digestione e mitiga la nausea collegata a malattie come l’influenza. La curcuma è una radice di cui l’India è il primo produttore: per l’etnomedicina è l’antinfiammatorio per eccellenza perché protegge e purifica il fegato. Per il mal di denti ci sono i chiodi di garofano da aggiungere in una tazza di acqua calda, peraltro apprezzati antivirali e antinfettivi. Per la pressione bassa, i reumatismi e i problemi di digestione, la noce moscata rappresenta un toccasana. Il cardamomo, poi, non serve solo ad aromatizzare il caffè, ma è prezioso per mettere in un angolo tosse e raffreddore.

Lo zenzero è considerato un efficace tonico Yang, una sorta di viagra naturale che serve per rafforzare le energie maschili, del fuoco e della vitalità. Nella medicina asiatica, è una spezia “calda”, tanto che in Cina la radice è un rimedio contro l’affaticamento, l’astenia e l’impotenza. Oggi è la spezia più coltivata. Oltre a essere un cibo afrodisiaco, tra le sue molteplici capacità spiccano quelle meno note di alleviare il dolore muscolare, accelerare la guarigione nelle malattie da raffreddamento e influenza.

Sulla rivista scientifica Nutrition Today sono state pubblicate 16 nuove ricerche. La conclusione è unica e viene anticipata nell’editoriale della rivista da Johanna Dwyer, docente di Medicina della Tufts university school of medicine: «L’uso delle spezie – si legge testualmente – oltre a limitare la quantità di sale e di grassi riesce a intervenire sulle infiammazioni e migliorare l’apparato cardiocircolatorio. Oltre che rendere i menù più saporiti e profumati».


In sintesi:

Il cumino previene il cancro

Lo zenzero calma la nausea

Il timo placa la tosse

Il rosmarino migliora la memoria

Il cardamomo diminuisce la pressione

La noce moscata abbassa la pressione sanguigna

Il basilico toglie l’insonnia

Il finocchio migliora la digestione

La curcuma toglie le infiammazioni

Il peperoncino allontana i tumori dell’apparato digerente

La cannella contrasta il diabete

I chiodi di garofano curano i dolori articolari

Il coriandolo aiuta nella sindrome del colon irritabile

L’aglio riduce il colesterolo


RIFERIMENTI

Nutrition Today

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *