Armenia, montagne e monasteri

Halloween o Ognissanti? – LAP 623
15/05/2014
Sicilia in cammino
31/05/2014

Armenia, montagne e monasteri


gi 31 luglio – sa 9 agosto 2014
LEGGI LA SCHEDA COMPLETA DEL VIAGGIO

L’Armenia sta lì, tra le montagne del Caucaso, a una manciata di ore di volo dall’Italia. Ai visitatori disposti a fare a meno delle solite comodità si apre un mondo di esperienze piacevoli e originali. I suoi altipiani sono incorniciati da montagne, punteggiati da profonde caverne e arricchiti da oltre quarantamila chiese e monumenti antichi. Ad accompagnare i viaggiatori delle Vie dei Canti in questo cammino è la guida Leonardo Paleari. La sua passione nasce dalla curiosità di sapere come è fatto il mondo intorno a lui, “e se ci accompagno le persone devo essere capace di far loro vedere quello che da soli non vedrebbero“.

Già interprete per il parlamento italiano e conoscitore della lingua russa, per Leonardo è un ritorno in Armenia con nuovi abiti. “Questo è un programma di 3 passi – fa presente – per cui occorre un allenamento adeguato per i dislivelli indicati“. L’Armenia si estende sull’altopiano caucasico ricco di catene montuose, canyon, foreste, laghi, castelli e monasteri cristiani. E sebbene molto spesso si cammini senza particolari difficoltà su facili sentieri e ampi altipiani, non è come andare sulle attrezzate Dolomiti o sulla Majella.

Per capire questo paese incuneato tra Asia ed Europa, tra Russia, Turchia e Iran e in cui si incontano pastori che adorano contemporaneamente il sole e Gesù e comunità dove si respirano gioia e religiosità, occorrono curiosità e una buona dose di sensibilità storica. “Gli apprezzamenti più belli da parte dei camminatori dei miei viaggi – ricorda Leonardo – li ho avuti a proposito del silenzio: chi ne ascolta a lungo la voce, chi ne vive la dimensione purificatrice, chi nel silenzio semplicemente ritrova se stesso come non gli accadeva da tempo“. A Yerevan, la sua capitale, prima e dopo il cammino, ci aspettano monumenti, musei, biblioteche e il ricordo dell’olocausto armeno.

GLI INCONTRI CHE NON TI ASPETTI

  • I pastori yezidi
  • Mathenadaran, la più importante biblioteca della capitale
  • La montagna di ossidiana
  • Il monastero di Geghard e il tempio pagano di Garni

IL PROGRAMMA IN SINTESI

Gi 31 Partenza dall’aeroporto.

Ve 1 Visita al Mathenadaran, la più importante biblioteca dell’Armenia.

Sa 2 Fino al lago Sevan, visita al Monastero e al campo di Khachkars, a Noraduz.

Do 3 Fino ai piedi del vulcano Azhdahag.

Lu 4 Si risale la cima del vulcano, si prosegue verso la montagna di Karmirsar.

Ma 5 Sul monte di ossidiana dello Spitakasar e fino alla fonte di Shakhbulak.

Me 6 Le incisioni rupestri che non ti aspetti, datate tra il VII e il II millennio a.C.

Gi 7 Verso il Monastero di Gerhard passando dal Monte Yerakatar e dal tempio pagano di Garni.

Ve 8 Visita alla capitale Yerevan.

Sa 9 Ritorno in Italia.

www.viedeicanti.it

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *