Armenia, montagne e monasteri
30/05/2014
Tutte le strade portano a noi
01/06/2014

Sicilia in cammino

Si sono ritrovati a Palermo il 31 maggio per iniziare a camminare dalla mattina del primo giugno. Il percorso attraversa luoghi importanti per la storia della Sicilia. Camminano lungo strade secondarie e sentieri per arrivare a Gela, meta di sbarco di migranti e sede di uno dei poli petrolchimici più grandi e importanti presenti in Europa. Loro sono la Repubblica nomade. Unisciti a loro.

Perché Repubblica?
Perché si è trovato il modo di decidere insieme e di rispettarci, perché ogni camminatore ha avuto e avrà all’interno del gruppo la sua insostituibile diversità, perché ha trovato ha trovato al suo interno la capacità di decidere comportamenti e di legiferare attraverso il movimento e il sogno condivisi e non per legiferazioni fisse, soverchianti e astratte“.

Perché nomade?
Perché ha eletto lo spostamento, l’avventura, la traslocazione e il cammino a piedi a suo linguaggio e suo messaggio irradiante“.

LE TAPPE IN BREVE

Palermo – Piana degli Albanesi
Piana degli Albanesi – Ficuzza
Ficuzza – Corleone
Corleone – Prizzi
Prizzi – Santo Stefano Quisquina
Santo Stefano Quisquina – Alessandria della Rocca
Alessandria della Rocca – Sant’Angelo Muxaro
Sant’Angelo Muxaro – Aragona
Aragona – Racalmuto
Racalmuto – Canicattì
Canicattì – Ravanusa
Ravanusa – Mazarino
Mazarino – Butera
Butera – Gela

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *