Susanna Tamaro: prima cammino poi scrivo

Camminare sulle acque
29/11/2013
Le ricette di Luca – Cous cous con verdure
02/12/2013

Susanna Tamaro: prima cammino poi scrivo


Ci piace immaginare che la sua decisione di non prendere più parte a incontri pubblici vada ricercata non solo nella stanchezza che avverte dopo anni e anni di sorrisi e strette di mano lungo tutto lo Stivale. Ma anche nel desiderio di trovare il tempo di camminare. Perché Susanna Tamaro, scrittrice di professione, triestina di nascita e tessera Cai in tasca, è anche una camminatrice. Di più, è una che ha ideato tutti i suoi libri “camminando o andando in bicicletta“.

Quando parla dell’andare a piedi utilizza le parole “dignità” e “desiderio di fermarsi“. In realtà, al contrario degli anni della gioventù, trascorsi a girovagare per più giorni in montagna, Susanna Tamaro non è una donna dalle lunghe traversate. La sua è una natura solitaria e stanziale che “ha bisogno di lunghi tempi morti per poter pensare e lavorare“. Piuttosto cammina “per andare in paese, per andare a trovare un amico“. Cammina “per rendere felici i miei cani, per rilassarmi o per cercare ispirazione nei momenti di stanchezza“. Ma soprattutto, cammina per “guardarsi dentro e osservarsi fuori“.

Ricorda di aver percorso un tratto della Via Francigena, sogna di andare a piedi da Roma a Orvieto oppure fare il Cammino di Francesco e riconosce come “ogni regione italiana sia piena di luoghi meravigliosi per camminare”.

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *