Capodanno 2014 a piedi. Val Maira, camminando sulla neve

Capodanno 2014 a piedi. Intorno al Lago di Bolsena
02/09/2013
Capodanno 2014 a piedi. L’alba dei popoli in terra d’Otranto
04/09/2013

Capodanno 2014 a piedi. Val Maira, camminando sulla neve

La Val Maira in inverno è un sogno. Camminatore in più, camminatore in meno, incontriamo lo stesso numero di persone della Groenlandia. Immaginiamoci in cammino con le ciaspole, sulla neve, in mezzo al silenzio della natura vivida e parlante. Le passeggiate senza racchette ci conducono alla scoperta di chiese, santuari e antichi borghi in pietra con le loro storie e l’arte della valle. Conosciamo la cultura occitana e ammiriamo le curiose formazioni geologiche. L’arrivederci, infine, sarà dolce nelle gustose pasticcerie di Dronero.

 

Tutti i dettagli sul viaggio a piedi Val Maria, camminando sulla neve (30 dicembre 2013 – 4 gennaio 2014), proposto dalla guida Maurizio Barbagallo per Le Vie dei Canti, sono consultabili in questa pagina.
 

Di seguito una rassegna di foto delle scorse edizioni del viaggio a piedi.


La Val Maira è un sogno


Il bel gruppo dello scorso anno


Camminando sulla neve


Ok, non è una foto con la neve, ma valeva la pena pubblicarla

 

I viaggi a piedi delle Vie dei Canti…

sono in piccoli gruppi con zaino in spalla, attraverso paesi e paesaggi italiani ed esteri.
Ogni proposta è sempre nuova: oltre al luogo cambiano il tempo atmosferico, i compagni di viaggio e le storie della guida.

Sono viaggi…

in piccolo gruppo, fino a 16 persone;
che alimentano l’economia locale, nella scelta del cibo, dell’alloggio, del trasporto pubblico;
per tutti o quasi, anche se a volte impegnativi;
in strutture come agriturismi, B&B, conventi, alberghetti gestiti dagli abitanti del luogo;
dove il cibo è locale, anche vegetariano su richiesta;
non ideologici, che ammettono l’eccezione a tutti i punti elencati.

 

www.viedeicanti.it

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *