Ameno di nome e di fatto: il Quadrifoglio da camminare

Appuntamenti settembre 2016 | L’Appuntalapis LXI
25/09/2016
Quando è Madre Terra a fornirci le medicine: gli antibiotici naturali
30/09/2016

Ameno di nome e di fatto: il Quadrifoglio da camminare

861 abitanti più uno, Riccardo Carnovalini. Ameno è un comune della provincia di Novara, in Piemonte, affacciato sul lago d’Orta e confinante con il lago Maggiore. Uno di quelli piccoli piccoli che scommettono sui cammini e sul turismo responsabile per il loro futuro. Solo pochi mesi fa l’amministrazione comunale ha conferito la cittadinanza onoraria a Riccardo Carnovalini, fotografo, grande camminatore e guida Vie dei Canti. Perché è stato proprio Riccardo a mettere la firma sui 4 sentieri del Quadrifoglio di Ameno, uno più bello dell’altro: 3-4 ore di cammino ognuno, adatti a tutti, con vista sul lago d’Orta e sullo sfondo il monte Rosa.

Riccardo ha abbinato colori e armonia, natura e territorio. Ciascun sentiero è associato a un colore: il celeste (dal cuore di Ameno al Convento del Monte Mesma percorrendo le due Vie Crucis) a simboleggiare la trascendenza, la forza, l’immutabilità; l’azzurro (dal parco Neogotico del Palazzo Tornielli di Ameno verso antichi mulini e cascine fra i pascoli per mucche e cavalli) che aiuta la meditazione e l’estroversione; l’indaco (nell’Oltreagogna alla scoperta della boscosa montagna di Ameno e delle sue antiche cascine), simbolo di spiritualità e risveglio interiore; il blu (dalle colline di Ameno alle rive del lago d’Orta) che genera calma e rilassamento, regala equilibrio e sensibilità.

Come spiega Carnovalini, «ci sono luoghi che hanno una bellezza che non atterrisce ma è capace di far innamorare anche i naturalisti e i fotografi più esigenti. Ameno è uno di questi, immerso tra le colline comprese fra il lago d’Orta e del lago Maggiore, con il monte Rosa lì, a portata di teleobiettivo, da tenere a portata di mano per fermare albe e tramonti memorabili». L’autunno è uno dei periodi migliore per cercare bellezza e «camminare lungo quattro petali di un Quadrifoglio di 34 chilometri, sentendo che le due coordinate della vita, spazio e tempo, si riallineano dentro e fuori di noi» ne facilita il raggiungimento.

Camminare, osservare e capire si fondono in un’azione unica: «Mentre si respirano e si fotografano tutti i colori della primavera e l’apparecchio fotografico diventa un terzo occhio sulla natura, capace di aiutarci a rallentare e a osservare in profondità. Sulle mulattiere lastricate per il monte Mesma, lungo quel fiume azzurro che è l’Agogna, attraverso le silenziose montagne punteggiate di cascine, e per finire verso il blu del lago d’Orta».

Dal punto di vista tecnico, il Quadrifoglio di Ameno è complessivamente composto da 4 percorsi ad anello, per un totale di 33,6 km e un dislivello totale di 1.215 metri, l’altitudine minima è di 324 metri, la massima è di 791 metri. Il tempo medio di percorrenza dei 4 anelli a piedi è di 12 ore. I sentieri sono percorribili per il 90% della loro estensione anche in mountain bike e a cavallo.

A ben vedere, chiunque è in grado di indossare un paio di scarpe da trekking e solcare sentieri più o meno conosciuti. Pochi, però, sono in grado di rendere desiderabili i risultati del cammino, siano essi fotografie, appunti di viaggio, racconti o denunce della mano furfante dell’uomo disposto a stravolgere luoghi e annullare la memoria in cambio della costruzione di case e capannoni abbandonati. Ecco perché camminare con Riccardo permette di guardare il mondo con nuovi occhi e pensare alla vita con una nuova testa. Se poi veste i panni di guida ed è pronto a svelare i segreti per fare una buona fotografia, il desiderio diventa irrinunciabile.
Riccardo Carnovalini, camminatore di professione, è una delle più importanti figure di riferimento per il mondo del trekking in Italia. Da 35 anni cammina e racconta con fotografie e parole i cambiamenti di questo paese. Tra le sue grandi traversate ci sono due volte tutto l’Appennino, tre volte le Alpi da un capo all’altro, tutti i 4.000 km di coste da Trieste a Ventimiglia. Sempre a piedi.
Nonostante l’ampia conoscenza, per Carnovalini è proprio l’Italia il miglior posto da visitare, camminare e fotografare: «Credo che sia un paese poco amato perché poco conosciuto. La soddisfazione più grande che ho in questi cammini condivisi sono i ringraziamenti di chi ha conosciuto ciò che si nascondeva dietro le loro case. I miei cammini sono cominciati da giovanissimo sull’Appennino tosco-emiliano e sulle Alpi Apuane: sono luoghi molto speciali così come le Cinque Terre».

Cellulari e macchine digitali consentono di catturare immagini con estrema facilità e imbarazzante ripetitività. Sembra che portarsi a casa un momento del viaggio sia predominante rispetto al viaggio stesso. Da fotografo, il pensiero di Carnovalini è chiaro: «Siamo davanti a una situazione nuova con un doppio risvolto. Quello positivo è rappresentato dalla possibilità di documentare un momento e di condividerlo immediatamente. Questi nuovi sistemi hanno reso più democratico l’uso della foto. Quello negativo è l’improvvisazione ovvero la fotografia senza regole. In realtà esiste una tecnica da studiare e bisogna capire come si impressiona la luce sul sensore. Non ci si può ritenere fotografi solo avendo una macchina che permette l’immediata visione dell’immagine. È aumentata l’offerta delle fotografie ed è diminuita la domanda (penso a giornali e riviste) e, inevitabilmente, le immagini sono pagate di meno. Vivere di fotografia è quasi impossibile anche perché esistono siti specializzati dove acquistare foto a prezzi stracciati». Un consiglio? «Scattare meno, ma scattare meglio».

 
L’autore di tutte le foto in questo articolo è Riccardo Carnovalini

Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it


RIFERIMENTI:

Fotografare l’Autunno. Il quadrifoglio Ameno – ve 14 – do 16 ott 2016


TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *