Franco Berrino: «Zucchero e sale, usateli così»

Viaggiare a piedi come terapia per lo spirito
21/08/2016
Pittura terapeutica: arte, gioco, creatività
02/09/2016

Franco Berrino: «Zucchero e sale, usateli così»

Zucchero e sale, quanta confusione. Tra leggende popolari e consumi allegri, intorno al loro utilizzo c’è poca chiarezza e le scelte personali, drastiche o meno, non sempre tengono conto del disegno generale sul modo corretto di alimentare il proprio corpo. Ad accendere un faro su questo zibaldone a tavola e tra i fornelli ci ha pensato Franco Berrino. Lunedì scorso il medico, epidemiologo e professore del dipartimento di Medicina preventiva e predittiva dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano, è stato ospite della trasmissione radiofonica Cuore e denari condotta da Nicoletta Carbone e Debora Rosciani e in onda su Radio 24.

L’occasione di sedersi attorno a un tavolo è stata servita dal semaforo rosso acceso dal parlamento europeo davanti al consumo eccessivo di zucchero da parte dei bambini. Ma evidentemente non è semplice rinunciare alla dolcezza nei sapori: il richiamo è forte e, quasi di nascosto, centinaia di alimenti sono arricchiti di zuccheri aggiunti, come i piselli in scatola, il pane e le fette biscottate. Insomma, «un modo per fare sembrare buono quello che in realtà non lo è».

Perché lo zucchero è considerato così dannoso? È un problema di dosi o è lo zucchero in sé a nuocere? Berrino non ha dubbi: «Sicuramente è un problema di dosi. Tuttavia non abbiamo bisogno di consumarlo perché non serve a niente. Una volta si diceva che lo zucchero faceva bene al cervello, ma in realtà è mantenere una glicemia costante a essere salutare per il cervello che, ricordiamolo, è il principale consumatore di glucosio tra i nostri organi. Se noi mangiamo tanti zuccheri e tanti alimenti che fanno alzare la glicemia nel sangue, rischiamo di danneggiare la nostra mente. Questa è la ragione per cui a fine mattinata i bambini a scuola sono disattenti, nervosi e distratti. Qualcuno giunge perfino a dar loro dei tranquillanti quando basterebbe ridurre la quantità di zuccheri».

Ai genitori con bambini in età prescolare, «il consiglio è di non far assaggiare lo zucchero e soprattutto le bevande zuccherate. Di quello che assaporano nel primo anno di vita saranno per sempre legati». In età scolare, invece, «quando i bambini sono ormai stati violentati dall’industria alimentare con la sua pubblicità e quindi hanno ormai assaggiato di tutto, la strategia è diversa: cucinare con i bambini, preparare dolci insieme e fare loro vedere come sono buoni quelli senza zucchero. A loro piacerà dedicarsi perché amano pasticciare, impastare e giocare».

In tutti i casi, «non bisogna rinunciare al dolce, ma bisogna fare dei dolci senza zucchero utilizzando fondamentalmente la frutta che è zuccherina. Contiene glucosio e saccarosio, ma soprattutto mille sostanze che ci difendono dall’effetto negativo dello zucchero». Le alternative? «Mai addolcire con il fruttosio», molto negativo per i diabetici, e lo stesso sciroppo d’agave «che va tanto di moda» è «praticamente fruttosio per l’80-90%». In realtà nella frutta c’è il fruttosio, ma anche – puntualizza Berrino – «il suo contravveleno: la vitamina C». In definitiva, «facciamo la nostra torta di mele, il nostro strudel e il nostro muffin utilizzando le mele, le pere, l’uvetta sultanina, le albicocche secche». E la marmellata? «Si prepara benissimo senza zucchero, soprattutto con le prugne e le pesche, meno con le albicocche». Il miele, a differenza dello zucchero, «invenzione degli ultimi due-tre secoli», è consumato dall’uomo sin dall’antichità «e non va perciò considerato un sostituto». E non c’è troppo da fidarsi neanche dello zucchero di canna: «Quello che trovate al bar è praticamente lo stesso dello zucchero bianco». Quello integrale «è un po’ meglio. Va bene come metadone».

Conversando con i radioascoltatori e le loro esperienze dirette, Berrino invita all’attenzione nelle scelte tra i fornelli: «Sì all’eliminazione dello zucchero, no a quello del sale perché quest’ultimo è indispensabile al funzionamento del nostro corpo». Anche se, riconosce, «ne consumiamo troppo». E ancora: «Chi ha un’alimentazione prevalentemente vegetariana e non mangia carni e formaggi, cibi molto ricchi di sale, è bene che in cucina ne faccia uso. Non bisogna confondere zucchero e sale».

Inevitabili le osservazioni di chi si tira indietro dal provare cibi nuovi e sostiene che morire sani è anche un gran peccato. Ma per Berrino le cose non stanno così: «Noi dobbiamo arrivare a morire senza malattie. È il regalo migliore che possiamo fare ai nostri figli. Evitare lo zucchero non significa rinunciare al piacere. Cerchiamo di fare il possibile per una longevità in salute. Il 90% delle persone sopra i 65 anni assume quotidianamente farmaci e poi finiamo per perdere ogni potere in una residenza per anziani. Abbiamo una responsabilità nei confronti dei nostri figli».


Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *