Quei piatti veg dal sapor mediorientale

Gino Strada vince il Premio Nobel alternativo
01/12/2015
A Natale luci spente e ulivi in piedi
04/12/2015

Quei piatti veg dal sapor mediorientale

C’è un ponte che unisce il Medioriente all’Italia: è la cucina. Quella veg e saporita. Parlare di cultura araba non può essere un problema e il cibo è uno dei modi migliori per capirsi e apprezzarsi. D’altronde, se guardo alla mia tavola, noto come sempre più spesso trovino spazio l’hummus di ceci e il tabuleh. Credo infatti che rappresentino una formidabile alternativa ai nostri piatti tipici per nutrizione e bontà. L’hummus non è altro che la crema di ceci e burro di semi di sesamo, arricchita con spezie, aglio, prezzemolo e succo di limone. Il tabuleh, ormai anche nei reparti gastronomia dei grandi supermercati, è un’insalata di prezzemolo, pomodori e grano cotto dalle molte variabili e dall’azione spesso diuretica. Ho scoperto come la sua origine sia terreno di contesa tra i popoli nordafricani.

I piatti imperdibili sono quelli della cucina libanese, vari e influenzati dalla tradizione araba. Tra i suoi ingredienti principali ci sono il riso, i legumi, la frutta oleosa, come mandorle, pinoli e nocciole, il succo di limone. Due consigli sono necessari. Come antipasto meglio scegliere l’insalata fattouch, quella con verdure e arricchita da pezzetti di pita, il pane arabo, e hummus di ceci. Il motivo? Semplice: è senza colesterolo. E poi, i falafel e le polpettine kibbeh sono ottimi cibi ma fritti: meglio se accompagnati con le verdure.

Le minestre, soprattutto a base di verdure e lenticchie aromatizzate con cannella, e le verdure ripiene, come zucchine, zucche e melanzane, sono tra le mie preferite perché prevedono anche ripieni vegetariani o vegani. Altre delizie sono il baba ganoush ovvero una crema di melanzane arrostite, e lo zaatar, mix di spezie composto da timo, semi di sesamo e sommacco, una spezia rossa simile alla paprika e dal sapore di limone. A fine pasto si può bere un caffè arabo oppure una bevanda a base di uva passa e pinoli, nota come jellab.

Esiste una parola ben precisa che raggruppa le terre dalla Turchia all’Afghanistan passando per l’Africa settentrionale: è Veggiestan, letteralmente terra delle verdure. Si tratta di quel fantastico luogo d’origine di preparazioni a base di verdure arricchite da spezie, aromi e profumi subito riconoscibili. Ebbene, esiste un libro, “Veggiestan. Un viaggio alla scoperta dei piatti vegetariani del Medio Oriente” scritto da Sally Butcher, che raccoglie ricette e tradizioni vegetariane per scoprire sapori e odori, ingredienti e preparazioni. Pietanze come i noodles di riso persiani alle melanzane con tamarindo allo zenzero, i panzerotti ai porri e curcuma o lo stufato di carote afghano si assaporano prima con gli occhi e la testa e poi con il palato.

L’autrice mette a disposizione la sua esperienza da gestrice di un negozio di specialità gastronomiche iraniane e orientali a Londra in un volume dedicato a chi cerca nuove idee per gustare le verdure. Il libro trasmette tutta la sapienza della cucina mediorientale per trasformare anche le verdure e i cereali più comuni in piatti speciali. Non si tratta di un mero elenco di ingredienti e ricette, ma del racconto di una grande storia di aneddoti, curiosità e personaggi del Medioriente, dalla Siria al Libano, dall’Egitto alla Tunisia, dall’Iran alla Turchia, dall’Iraq all’Arabia Saudita, dall’Afghanistan al Pakistan fino a Cipro.


Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a redazione@traterraecielo.it

Tra Terra e Cielo
Tra Terra e Cielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *