Via Francigena: 3 nuove tappe in Italia

Buono come il pane – LAP 601
10/12/2013
In cammino fino al 2020
14/12/2013

Via Francigena: 3 nuove tappe in Italia

La Via Francigena diventa… più lunga. Tre nuove tappe sono state aperte ai camminatori di tutto il mondo. Sono Altopascio-San Miniato, San Miniato-Gambassi e Gambassi-San Miniato. Ora sono nove in tutto le tappe percorribili in sicurezza. E non finisce qui perché altre due saranno aperte fra pochi giorni, il 17 dicembre, e le restanti quattro nei primi mesi del 2014. Il percorso di messa in sicurezza della Francigena toscana – assicurano gli amministratori locali – si completerà entro il periodo di Pasqua del prossimo anno.

Al taglio del nastro ha partecipato anche il governatore della Toscana Enrico Rossi. Ma questa volta non vogliamo riportare i ringraziamenti di rito, gli ammiccamenti fra politici e la corsa a mettere il cappello sull’iniziativa. Preferiamo riferire le parole sul viaggiare a piedi pubblicate (e stracommentate e stracondivise) dallo stesso Rossi sulla sua pagina Facebook: “Camminare è una modalità del pensiero. E’ un pensiero pratico. E’ un triplo movimento: non farci mettere fretta; accogliere il mondo; non dimenticaci di noi, strada facendo. Gli europei, in particolare i giovani, sanno bene tutto questo, come io stesso ho potuto constatare qualche anno fa sul cammino di Santiago di Compostela in Spagna. Ma camminare può rappresentare anche una rivoluzione silenziosa, da attuarsi nelle nostre città ingolfate dalle auto. Si potrebbe infatti dire con una battuta surreale, presa a prestito da un gruppo di seri urbanisti americani, che il pedone rimane il più grande ostacolo al libero fluire del traffico. Camminare è il gesto più umano per ritrovare la bussola. In Toscana dobbiamo provarci e io penso che se si presentasse alle elezioni un partito dei camminatori se la giocherebbe con quello degli autisti. Io saprei da che parte stare“. E voi?

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *