Alla Festa del Camminare 2013 la mostra delle tue foto

Danzate con me sulle dune del deserto
21/10/2012
sabrina
07/11/2012

Alla Festa del Camminare 2013 la mostra delle tue foto

In fin dei conti mettere in mostra una foto equivale a condividere una parte della propria sensibilità. Abilità tecniche a parte, le immagini fissano pensieri e le figure catturate sintetizzano ed esaltano gli umori. Il viaggio a piedi, poi, con il suo lento incedere e gli incontri con persone e natura lontane dagli orizzonti quotidiani, offre continue occasioni di rimescolamento di emozioni.

Far uscire dal cassetto i propri scatti è allora un segno di apertura al mondo e a chi ha occhi per vedere e testa e cuore per immedesimarsi. Nasce così l’idea della Festa del Camminare di mettere in mostra le foto dei camminatori. Ma non in uno spazio chiuso da consumare in pochi istanti. Le immagini sono esposte lungo le strade della cittadina medievale di Vicopisano che, dal 22 al 24 marzo 2013, ospiterà la seconda edizione della Festa. Saranno stampate su plexiglass per durare nel tempo e resistere alle intemperie.

Come fare a partecipare? Ci sono una condizione preliminare e due regole da seguire. Per prima cosa occorre aver partecipato a un viaggio con Vie dei Canti o Tra Terra e Cielo. Dopodiché basta spedire non più di cinque scatti sul tema del cammino a Rita (rita@festadelcamminare.it), curatrice dell’iniziativa. E non più tardi del 28 febbraio 2013.

Lo scorso anno – ricorda Rita – c’è stata una buona partecipazione, ma quest’anno proviamo a fare un passo in più“. E se uno come Riccardo Carnovalini, fotografo e camminatore di professione, ha espresso i complimenti per l’iniziativa, allora è meglio rovistare nei propri archivi fotografici e scegliere l’immagine da spedire.

Qual è il segreto per scattare una buona immagine? Autrice di ottime foto, Rita si affida a un citazione. E’ di Italo Calvino: “Nei momenti in cui il regno dell’umano mi sembra condannato alla pesantezza, penso che dovrei volare come Perseo in un altro spazio. Non sto parlando di fughe nel sogno o nell’irrazionale. Voglio dire che devo cambiare il mio approccio, devo guardare il mondo con un’altra ottica, un’altra logica, altri metodi di conoscenza…“.

Ricorda che vanno inviate in formato JPG ad alta risoluzione (almeno 300 dpi) indicando titolo del viaggio, luogo, nome e cognome dell’autore, mail e recapito telefonico per eventuali contatti. Se hai bisogno di maggiori chiarimenti basta scrivere a Rita.

 

 

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *