Il meglio per i nostri occhi
01/07/2014
Ogni regione ha la sua ragione: 10 viaggi a piedi per tutti
03/07/2014

L’artista che cammina: Hamish Fulton


Si definisce un walking artist, uno di quelli che amano camminare e le persone che camminano. Le insegue ovunque, nei deserti e sulle catene montuose, cattura le loro immagini in movimento e le mette a disposizione nelle gallerie di tutto il mondo. Di recente, le fotografie esposte all’Art Basel 2014, la più importante fiera del mondo sull’arte contemporanea, hanno lasciato il segno. Lui è Hamish Fulton.

E’ lo stesso artista a definire l’atto della camminata, che lui compie in solitaria, come propedeutico alla realizzazione di una forma d’arte, quasi fosse un atto meditativo necessario. Nitide immagini, spesso in bianco e nero, citazioni dei passi compiuti, appunti di viaggio, disegni raccontano e definiscono i contorni di un percorso più mentale che fisico. Negli ultimi anni le camminate di Fulton sono diventate sempre più spesso veri e propri pellegrinaggi a seguito dei quali ha iniziato ad affiancare la realizzazione di pitture murali ai consueti diari di viaggio. Di grandi dimensioni, con campiture nette di colore, queste pitture tralasciano il dato emotivo a favore di una sintesi formale che, proprio perché meno didascalica, risulta essere più evocativa dei luoghi percorsi.

Stampate quasi esclusivamente in bianco e nero, le immagini sintetizzano camminate di giorni e settimane e racccontano di territori in perenne trasformazione.

Art Basel, il meglio dell’arte contemporanea

Da oltre 30 anni è la mecca degli appassionati d’arte da tutto il mondo. Art Basel è la fiera d’arte moderna e contemporanea che dal 1970 si svolge tutti gli anni nel mese di giugno a Basilea, in Svizzera. La rassegna include ogni forma di espressione artistica: dipinti e sculture, installazioni e fotografie, stampe e video passando per i lavori multimediali. In vetrina ci sono 2.500 artisti per 300 gallerie e 60.000 tra collezionisti, artisti, direttori di musei, curatori e amanti dell’arte.

Solo per fare qualche nome della qualità dell’Art Basel, sono presenti maestri del calibro di Pablo Picasso e Joan Miro, Paul Klee e Andy Warhol, Mark Rothko e Alighiero Boetti, Jeff Koons e la nuova generazione di pittori. Ad artisti riconosciuti del design si accostano produzioni più eccentriche, severe linee moderniste, elementi legati a tecnologie avveniristiche e postmoderne, disegno organico, minimalismo ed echi pop. C’è spazio non solo per gli stand di quasi trecento gallerie internazionali. Il visitatore è fatalmente catturato da progetti artistici site-specific di livello elevato provenienti da Nord America, America Latina, Europa, Australia, Asia e Africa ovvero da tutti e cinque in continenti.

La fiera è organizzata in quattro sezioni: Art Galleries e Art Edition dove espongono oltre trecento tra le più eminenti gallerie del mondo, selezionate fra le oltre mille candidature da una giuria internazionale composta da rinomati intenditori; Art Statements che vede dal 1999 l’assegnazione da parte del Baloise Group del suo Baloise Art Prize a due progetti di spicco di Art Statements; Art Feature che si concentra sugli aspetti curatoriali dell’attività galleristica; Art Unlimited con i suoi oltre 50 lavori artistici in formato gigante, spesso appositamente prodotte questo spazio.

A celebrare la grandezza della manifestazione e a collocarla nell’olimpo delle fiere d’arte internazionali, ci pensa la stampa di tutto il mondo. Per il quotidiano parigino Le Monde è “la migliore al mondo“, per Vogue è “il più bel museo temporaneo del mondo“, per il New York Times siamo davanti alle “Olimpiadi dell’arte“, per la Frankfurter Allgemeine Zeitung questa è “l’arte nella sua forma migliore“.

Nata su un’intuizione dei galleristi e collezionisti Trudl Bruckner, Balz Hilt e dei coniugi Ernst e Hildy Beyeler, il merito principale va ricercato nell’aver promosso l’arte ovvero nell’essere riusciti a dare una dimensione internazionale all’intero comparto andando al di là dei confini e delle dispute territoriali. Dal 2002, poi, la fiera di Basilea realizza anche un’edizione invernale che si svolge ogni anno in dicembre a Miami Beach – Art Basel Miami Beach – affiancata da fiere collaterali.

Tra Terra e Cielo
Tra Terra e Cielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *