Camminare a Pasqua 2014. Lapponia, il Sentiero del Re

Balla per le donne – LAP 588
03/11/2013
Capodanno 2014 in movimento: Italia, Marocco, Santiago
05/11/2013

Camminare a Pasqua 2014. Lapponia, il Sentiero del Re

Il Grande Nord d’Europa, dove il camminare scandisce il tempo del pensiero mentre gli occhi si nutrono di vastità e bellezza. Un viaggio per chi ama scoprire nuove terre o cambiare i propri occhi nel Nord della Svezia, oltre il Circolo Polare Artico, Lapponia Svedese. Il Kungsleden, il Sentiero del Re, è il più importante e famoso sentiero della Svezia. Percorriamo da Nord a Sud le prime 6 tappe da Abisko a Nikkaluokta. Il sentiero si addentra nel regno della tundra artica e delle renne, un territorio montuoso modellato dai ghiacciai, al cospetto della montagna più alta della Svezia, il Kebnekaise, 2.100 m. Grandi fiumi scorrono liberi in valli ampie e dai fianchi ripidi. La sistemazione, semplice ma accogliente, è in rifugi STF (ente svedese per il turismo) e si adatta molto bene allo spirito dei luoghi e dei veri viaggiatori. Ad aprile la zona è ancora completamente ricoperta di neve e si cammina con le ciaspole; le giornate sono già lunghe (13-14 ore di luce) e “tiepide” (temperature giornaliere mai sotto i -10°C). La notte è ancora fredda ma tutti i rifugi sono forniti di stufe a legna e c’è ancora la possibilità di vivere la magia dell’aurora boreale.

LEGGI LA SCHEDA COMPLETA DEL VIAGGIO (18 – 27 aprile 2014) proposto dalla guida Flaviano Bianchini per Le Vie dei Canti

Di seguito una rassegna di foto delle scorse edizioni del viaggio a piedi.


Luoghi in cui rinnovare il proprio sguardo


Gli orizzonti senza fine della Lapponia


Il Sentiero del Re


Gli immensi spazi inducono alla meditazione


La magia dell’arcobaleno

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *