Chiudi il conto con la guerra – LAP 581

Lui diventa lei e lei diventa lui con lo scambio di vestiti
19/10/2013
La vacanza è una poesia
21/10/2013

Chiudi il conto con la guerra – LAP 581

=======> IL PRIMO <=======

CHIUDI IL CONTO CON LA GUERRA

ITALIA. L’ultimo numero dell’anno è dedicato, come da tradizione, alle BANCHE ARMATE cioè alle banche che finanziano il mercato delle armi. L’elenco è a disposizione di tutti perché esiste una legge (la 185 del 1990) che obbliga il governo a rendere pubblici i dati sul finanziamento e il commercio delle armi. Tuttavia la lista pubblicata è parziale per due motivi. Riguarda solo le operazioni ufficiali cioè autorizzate dal governo. Nulla sappiamo di operazioni non ufficiali se, come è possibile, ce ne sono. Nella lista compaiono solo i nomi di grandi gruppi bancari che, in anni recenti, hanno monopolizzato il mercato acquisendo molte banche minori o locali. Se la tua banca non c’è, verifica a quale gruppo appartiene e, se è il caso, dille di smettere.
Certo, è tutto legale. Le armi si vendono perché c’è un mercato. C’è un mercato per le pellicce, per i concimi chimici, per i detersivi inquinanti, per gli animali destinati alla vivisezione. Tutto legale. Le banche fanno il loro mestiere, niente di strano. Ma non vogliamo che i soldi dei nostri conti vadano a finanziare il commercio di armi. Se lo fa, la cambio. Se lo facciamo in tanti, forse alla banca non converrebbe finanziare la guerra. Non trovi?
INFO: www.banchearmate.it www.governo.it

****************************************************
Per evitare il furto di email da parte dei programmi spam la “@” negli indirizzi è sostituita da “ AT ”.
****************************************************

<===L’=A=P=P=U=N=T=A=L=A=P=I=S=== n. 581 (me 25 dic 13) ===

****************************************************
La pace non è un sogno: può diventare realtà
Nelson Mandela
****************************************************

TAGLI PER TUTTI, NON PER LA DIFESA (E L’ATTACCO)

La situazione è come sempre imbarazzante: aerei, elicotteri, navi, blindati, artiglieria, bombe, missili, siluri, fucili, munizioni e armi chimiche antisommossa per una spesa complessiva di quasi 3 miliardi di euro. Anche il governo Monti non ha badato a spese nel business delle armi autorizzando contratti di vendita a nove zeri.

A fornire intermediazione finanziaria sono le banche, che su tali operazioni lucrano grossi profitti. Nel 2012 la quasi totalità delle esportazioni (81%) è stato negoziato da tre istituti bancari: la succursale italiana di Bnp Paribas, con intermediazioni per quasi un miliardo di euro, Deutsche Bank con 740 milioni e Unicredit con 540 milioni. Seguono Barclays, Bnl, Carispezia e una sfilza di altri istituti piccoli e grandi che si spartiscono le briciole, comunque milionarie, di questa torta.

E non è tutto. Secondo la legge 185 del 1990, che regola l’export militare italiano, le aziende italiane non possono fare affari con paesi in conflitto o in cui siano accertate gravi violazioni dei diritti umani o la cui spesa miliare è eccessiva rispetto a quella sociale. Ma la lista delle nazioni con cui l’industria bellica tricolore continua a firmare contratti non sembra rispettare tali criteri. Al primo posto c’è Israele, seguito dagli Stati Uniti, dal regime algerino di Bouteflika, dalla dittatura monopartitica del Turkmenistan e dalla monarchia autoritaria degli emiri arabi. L’elenco prosegue con paesi come l’India, militarmente impegnata sia in Kashmir che contro la guerriglia naxalita; il Ciad, nazione poverissima con un esercito che arruola ancora bambini-soldato e destabilizzata da ribellioni armate; la Turchia, in eterno conflitto con gli indipendentismi curdi; l’Arabia Saudita, monarchia autoritaria e irrispettosa dei diritti umani fondamentali; il Pakistan, in guerra aperta con i talebani locali; la Libia, dove continuano i combattimenti tra fazioni; la Thailandia, impegnata nel conflitto contro gli indipendentisti musulmani; l’Afghanistan, dove in guerra ci siamo anche noi.
 

(fonte: Il Fatto Quotidiano)

ELENCO BANCHE ARMATE 2012
e valore delle operazioni autorizzate agli istituti di credito per l’esportazione di armamenti

BNP Paribas Succursale Italia: 941.816.891,28 (quasi un miliardo di euro!)
Deutsche Bank: 742.961.240,86
Unicredit: 540.823.122,44
Barclays Bank PLC: 232.610.843,53
Banca Nazionale del Lavoro: 108.466.433,48
Cassa di Risparmio della Spezia: 68.507.251,19
Commerzbank: 32.428.918,30
Société Générale: 16.763.944,00
Banco di Sardegna: 14.925.595,37
Europe Arab Bank PLC: 13.753.370,00
Banco Bilbao Vizcaya: 11.617.885,05
Banca Valsabbina: 11.255.122,00
Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio: 6.954.309,28
Banca Carige (Cassa di Risparmio di Genova e Imperia): 5.478.617,74
Natixis: 5.253.432,00
Banco di San Giorgio: 3.402.923,23
Banco di Brescia: 2.142.300,07
Credicoop Cernusco sul Naviglio: 1.569.038,00
Banca Popolare dell’Emilia Romagna: 207.902,00
Cassa di Risparmio Parma e Piacenza: 164.386,50
Banca Popolare Friuladria: 92.505,29
Credito Cooperativo Valdinievole: 17.300,00
TOTALE: 2.761.213.331,63

Fonte: Relazione 2012 Ministero dell’Economia e delle Finanze

INFO: www.banchearmate.it www.governo.it

=======> L’APPUNTALAPIS settimanale!

Telefoni: 0583-356182, -96

Redazione, segnalazioni di incontri, manifestazioni, corsi:
*** annunci AT traterraecielo.it
*** Specificare nell’oggetto dell’email: data, luogo e tema dell’appuntamento. Nel testo specificare sempre costi, orari, possibilità di alloggio e tutti i dettagli utili per partecipare. Gli appuntamenti segnalati sono a pagamento, oppure scelti dalla redazione se gratuiti e non commerciali.

Lettere alla VERANDA: veranda AT traterraecielo.it

Facebook: diventa fan qui: www.facebook.com/TraTerraeCielo

L’APPUNTALAPIS è supplemento fatto di elettroni al mensile Tra Terra e Cielo fatto di carta. Iscritto al ROC al n. 1103, al tribunale di Lucca al n. 398/85. Direttore responsabile Gianluca Testa.

Questo numero è inviato a 15.337 utenti registrati.
Gli indirizzi inattivi e le caselle piene vengono CANCELLATI automaticamente dal sistema. Grazie per la collaborazione.

QUESTO NUMERO, e i precedenti, sono disponibili, dal martedì sera precedente l’uscita, su: www.traterraecielo.it

—————————————-

Annunci e appuntamenti tornano regolarmente con il prossimo numero di
mercoledì 1 gennaio. Buon anno.

La Redazione
 

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *