I consigli di Tessa Gelisio: come capire se l’acqua di rubinetto è buona

Tutte le città del Trekking Urbano 2013
10/10/2013
Le 10 regole contro il mal di schiena
11/10/2013

I consigli di Tessa Gelisio: come capire se l’acqua di rubinetto è buona

Secondo Legambiente dovete tenere d’occhio vari parametri. Il residuo fisso indica la quantità totale di sali presenti in un litro di acqua, il limite di legge è di 1500 mg/l, un valore al di sotto dei 1000 mg/l è ideale (e nella maggioranza dei casi si aggira attorno ai 500 mg secondo una recente indagine di Altroconsumo, in pratica sono tutte acque oligominerali!). La durezza è un parametro che indica il livello di ioni magnesio e calcio presenti e, se compresa nei limiti di legge (tra i 15 e i 50 °F), non ha effetto sulla salute ma al massimo sul sapore. Il PH è meglio si attesti nei pressi della neutralità, attorno al 7 (limite di legge da 6,5 a 9,5). Gli ioni cloro non devono superare i 250 mg/l: l’ideale sarebbe non superare i 200 mg/l per non avere quel tipico sgradevole sapore di “piscina”.
Per i nitrati il limite di legge è di 50 mg/l, un quantitativo ampiamente tollerabile ma, ovviamente, più basso è meglio è (specialmente per i più piccoli sarebbe ideale non superare i 10 mg/l). I nitriti (non devono superare gli 0,50 mg/l ma ovviamente anche in questo caso valori ancora più bassi sono sintomo di purezza. Per gli altri inquinanti (arsenico, cloriti, trielina, cromo, piombo, nichel…), spesso presenti, l’importante è che siano ben al di sotto del limite di legge previsto e non sono tollerabili se non in tracce. Insomma, niente scuse, se la vostra acqua del rubinetto è gradevole e rispetta i limiti di legge non avete più motivo di bere acqua in bottiglia. (2/continua)

Tutti i suggerimenti sono contenuti nel manuale fresco di stampa “Ecocentrica. Facili consigli per vivere felici aiutando il nostro pianeta” (Giunti Editore).

Chi è Tessa Gelisio

Tessa Gelisio
è giornalista, conduttrice televisiva e presidente dell’associazione per la conservazione ambientale forPlanet Onlus. Esperta di ecologia e comunicazione ambientale – ha militato e milita in associazioni come Wwf, Amici della Terra, Legambiente e centri per la tutela di specie selvatiche – ha raggiunto la notorietà televisiva con trasmissioni dedicate ad ambiente, arte, cultura, scienze, cucina. Attualmente conduce Pianeta Mare – Rete 4 (X edizione) e Cotto e mangiato – Italia 1 (II edizione). Come giornalista scrive di ecologia e tematiche sociali legate all’ambiente e fa parte del team di ricerca del Bio Management Lab, osservatorio di SDA Bocconi dedicato allo studio del comparto del prodotto agroalimentare biologico. Nello scrivere il libro Tessa si è avvalsa della collaborazione della naturalista Emanuela Busà e del biologo Edgardo Fiorillo, entrambi attivi in forPlanet Onlus.

LEGGI GLI ALTRI CONSIGLI

Il mercato dei fiori non è etico

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *