La parola contraria di Erri De Luca | Chiave di lettura

Appuntamenti febbraio 2015 | L’Appuntalapis VIII
06/02/2015
8 febbraio immagini
08/02/2015

La parola contraria di Erri De Luca | Chiave di lettura

Il 28 gennaio 2015 ha avuto luogo a Torino la prima udienza del processo in cui Erri De Luca è chiamato a rispondere di istigazione al sabotaggio a favore della protesta No Tav in Val di Susa. Lo scrittore ha rifiutato il rito abbreviato, che si sarebbe svolto a porte chiuse. Spiega lo scrittore napoletano: “Sul banco degli imputati mi piazzano da solo, ma solo lì potranno. Nell’aula e fuori, isolata è l’accusa“.
La parola contraria è un pamphlet a difesa della libertà di opinione. “Per me, da scrittore e da cittadino, la parola contraria è un dovere prima di essere un diritto – sottolinea e ricorda, citando Pasolini, Goethe e Rushdie -. Se dalla parola pubblica di uno scrittore seguono azioni, questo è un risultato ingovernabile e fuori del suo controllo“. Prima del processo è arrivata anche la solidarietà spontanea di tanti ed è stata aperta la pagina internet “iostoconerri” che ha dato “prova concreta che l’incriminazione non ha isolato, ma istigato alla reazione opposta” fa notare De Luca. Lo scrittore chiede anche sia lo “Stato a costituirsi parte civile” e non la ditta privata francese, Ltf sas, che ha depositato la denuncia contro di lui il 10 settembre 2013 presso la procura di Torino.
Feltrinelli, 64 pagine, euro 4.


Quando Erri De Luca ha parlato con Tra Terra e Cielo

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *