La cura del limone. Così ho pulito mente e corpo

17 giugno immagini
17/06/2015
Guy Fite
18/06/2015

La cura del limone. Così ho pulito mente e corpo

Tutto è iniziato da quel fastidioso gonfiore della mia pancia. Che i pranzi fossero lauti o modesti cambiava ben poco. E che dire dell’alito cattivo e di quella sensazione di sentirsi la pelle sporca e grassa? Percezioni si dirà, ma è sempre meglio non averle.

Ecco allora che nel corso di una piacevole serata vegana la mia vicina di tavolo mi suggerisce: “Hai provato con la cura del limone?“. La mia alzata di sopracciglio non avrà deposto a favore delle mie reali intenzioni, ma il suggerimento mi ha subito intrigata. E così, un po’ perché è un metodo naturale un po’ perché sono sempre stata attratta dalle cose più drastiche, ho iniziato il mio percorso.

Per un mese o poco più (tra aprile e maggio) ho bevuto ogni mattina e prima di fare colazione il succo di mezzo limone, diluito in acqua tiepida e non zuccherata. Non un buon risveglio verrebbe da dire e infatti può essere così: nausea e senso di disgusto sono dietro l’angolo. Il mio consiglio è di affidarsi alla propria personale sensibilità per decidere se aumentare la dose di succo (come ho fatto dopo pochi giorni), diminuirla o sospenderla.

Tuttavia una forte spinta a proseguire arriva dopo i riscontri. Non era trascorsa neanche una settimana che la mia digestione era migliorata e la sensazione di benessere generale aumentata. Ma era stato soprattutto il riacquisto della prontezza mentale e perfino di quella fisica a rappresentare la più piacevole delle sorprese collaterali. Evidentemente la mole di tossine da eliminare andava ben oltre le mie più torbide previsioni.

La cura ha poi avuto un’altra conseguenza inattesa: ho smesso di bere caffè. Non solo esattamente qual è il motivo, ma per ora non rientra tra i miei desideri mattutini (e giornalieri). Peccato solo che ho perso un paio di chili di cui non ne sentivo il bisogno.

La mia personale cartina di tornasole è stata la lingua. Ogni mattina la tiravo fuori davanti allo specchio fino a sentire tirare le tonsille così da scorgerne ogni piccolo cambiamento. Da bianca e patinosa era diventata giallastra e si era un po’ ingrossata per poi tornare liscia e rosea. A quel punto ho interrotto la cura del limone. Un consiglio? Usare limoni biologici e maturi. Un altro? Non spaventarsi nel caso di diarrea, mal di testa e forti sudorazioni. Passeranno.

La dieta depurativa a base di limone più famosa, che forse un giorno seguirò, ma di certo più in là nel tempo, è sicuramente quella proposta dal terapeuta igienista hawaiano Stanley Burroughs. Si tratta di una terapia dagli effetti disintossicanti e dimagranti. Durante il giorno si bevono da 6 a 12 bicchieri di acqua tiepida in cui miscelare 2 cucchiai di succo di limone fresco (spremuto al momento), 2 cucchiai di succo di acero di tipo C e un pizzico di peperoncino rosso in polvere, molto utile per sciogliere il muco e completare l’azione del limone.

Spulciando qua e là, ho scoperto come la cura di Burroughs sia sconsigliata a chi soffre di insufficienze epatiche, di iperacidità gastrica cronica e di quelle affezioni che compromettono la capacità dell’organismo di trasformare l’acido citrico, principale componente del frutto. In caso di dubbi è meglio confrontarsi con il proprio naturopata: ciascuno di noi è un universo unico.

commenta: redazione@traterraecielo.it

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *