Nel Giappone di 300 anni fa | La storia di Anya e Pablo

Come cavalli che dormono in piedi
14/11/2014
Cucina per 4 stagioni: Inverno, le ricette di Luca
16/11/2014

Nel Giappone di 300 anni fa | La storia di Anya e Pablo


Questa è la storia di una pittrice e uno scrittore. Anya Gleizer e Pablo Fernandes hanno viaggiato molto, prima separatamente, poi insieme, sempre alla ricerca della stessa cosa: il senso del viaggio. Per loro migrare è un modo per lasciarsi andare e perdersi. Non ci sono record da raggiungere, né distanze da percorrere a tutti costi e né cime da conquistare. I viaggi sono le persone che incontri e gli amici che ti fai, le piccole esperienze lungo la strada e i momenti di difficoltà in cui scopri di avere la forza di alzarti e di andare avanti. In breve, il viaggio non si misura in lontananza, ma in profondità, come la vita.

Anya e Pablo sono capaci di raccontare le loro avventure con tante belle parole e con i giusti colori sulla tavolozza. Ma soprattutto sanno bene che ogni goccia di inchiostro versata non sarà mai in grado di raccontare fino in fondo l’apparire improvviso di una montagna maestosa o gli spruzzi dell’acqua di fiume sulle guance. L’ultimo progetto lanciato è “Sulle orme di Basho”, a memoria di uno dei più importanti maestri giapponesi della poesia haiku. Hanno ripercorso i duemila chilometri di cammino del poeta e creato un Artist book con poesie, foto, racconti e dipinti del viaggio. Sono partiti da Tokyo il 5 giugno e per 3 mesi hanno viaggiato a piedi e prodotto arte. Hanno raggiunto la quota necessaria per il viaggio attraverso il crowdfunding: “E’ stato un modo per abbattere la distanza tra creatori e lettori“.
Il resoconto del viaggio è anche in queste immagini.

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *