NONSOLOMARE2022


Pratiche sane e (ri)creative a due passi dal mare


dal 11 giugno al 10 settembre 2022 al Villaggio Europing di Riva dei Tarquini (VT)

NONSOLOMARE2022


Pratiche sane e (ri)creative a due passi dal mare


dal 11 giugno al 10 settembre 2022 al Villaggio Europing di Riva dei Tarquini (VT)

NONSOLOMARE2022


Pratiche sane e (ri)creative a due passi dal mare


dal 11 giugno al 10 settembre 2022 al Villaggio Europing di Riva dei Tarquini (VT)

Settimana dal 3/9 al 10/9 Plasmare l'anima interiore

 
MATTINA
MEDITAZIONE INSIEME
di Francesca Torsello
Ogni giorno un gioco nuovo per imparare a leggere ciò che ci circonda. Facciamo insieme attività di vario tipo, iniziando con l’astrologia, scopriamo i pianeti e la loro simbologia con l’aiuto di cartoncini, pennarelli, tempere e acquerelli. Passiamo poi alla fitoterapia, con il riconoscimento di le erbe e le loro proprietà, alla riflessologia plantare, e alla ricerca del nostro animale guida e albero maestro. Concludiamo la settimana con I 4 elementi.
 
 
POMERIGGIO
IL MONDO DEI FIORI
di Nicole Migliore
Scopriamo il mondo dei fiori, gli stili, la creazione di un centro tavola, di una coroncina e di ornamenti per colorare la nostra casa e la nostra vita.
 
 
BAMBINI
FIABE IN ARTE
di Cristina Culpo
Ogni giorno incontriamo una fiaba che permette al bambino di entrare in contatto con il suo mondo interiore , infatti le Fiabe contengono dei messaggi nascosti che "parlano" all'inconscio del bambino. Giochiamo con le fiabe attraverso l'arte, con argilla per plasmare modellare i personaggi delle fiabe, acquerello per ricreare le atmosfere delle fiabe, la morbidezza della lana fiaba per creare il tessuto, e molti altri materiali. I bambini potranno portare a casa i loro oggetti creati nel ricordo della fiaba e dell'esperienza vissuta in vacanza.
 
 
POMERIGGIO
IL FENG SHUI DELLA SALUTE
di Roberto Marrocchesi
Feng shui, vento e acqua, elementi che determinano le caratteristiche più o meno salubri del nostro corpo dove scorre il “vento” del respiro e l’”acqua” dei nostri fluidi corporali.
 
 
SERA
DANZE POPOLARI TAMMURRIATA E PIZZICA
di Donatella Rapuano
Entrare in contatto con una sensazione, un pensiero, un'emozione, e sentirne le radici, il suono, lo spazio dentro e fuori di noi mentre si traduce in movimento ed anima il nostro corpo: questo significa essere integri, sentirsi, aprirsi alla relazione con se stessi, con gli altri, con il mondo.
Giocare con la forza coreutica della Danza Popolare, apprendendo il significato del suo linguaggio (lo sguardo, i simboli, il gesto, i segni);
Sentire, esplorare, portare a coscienza ed esprimere i sentimenti e le tracce di storia personale che abitano la nostra materia, utilizzando il movimento e la gestualità;
Sviluppare la creatività danzante e la comunicazione non verbale;
Avvicinarsi alla Danza come esperienza terapeutica; mezzo educativo ed espressivo soprattutto per quelle persone "diversamente abili" o particolarmente timide; scoprendo un�opportunità di esprimersi creativamente;
Considerare nella sua autenticità il "fenomeno del Ritmo Popolare", con lo sguardo rivolto alle nuove realtà e alle recenti contaminazioni "urbane" . . .

"Ci è taranta lassala ballare, ci è malinconia cacciala fore" (pizzica tradizionale)

Da secoli la PIZZICA è il ballo che libera dal dolore, dall'angoscia, dall'ansia. È il ballo della rinascita, della gioia di sentire il proprio corpo che guarisce attraverso la musica. Il ritmo del tamburello costringe il corpo a reagire d'istinto muovendosi con energia, battendo a tempo i piedi, girando su se stessi fino a che il ritmo gioioso del ballo non penetra fino al cuore.
La capacità di TRASFORMARE il DOLORE in GIOIA, ATTRAVERSO il RITMO del BALLO!
La PIZZICA nasce come un ballo di guarigione per la tristezza, l'apatia, lo stress.
Si può ballare da soli o in coppia, ma sempre in gruppo, perché la PIZZICA è condivisione, e i testi dei canti della PIZZICA raccontano le gioie e i dolori comuni a ogni essere umano: quelli dell'amore.
Si dice che chi balla la PIZZICA impara a camminare come se ballasse, perché la PIZZICA rende elegante e leggera la postura, ma soprattutto perché insegna qualcosa che ognuno di noi porta con sé in ogni istante della propria vita: la capacità di trasformare il dolore in gioia attraverso il ritmo del ballo.
 
A PIEDI ALLA FOCE DEL FIUME MARTA
di Giorgia Banditori
Partiamo la mattina di lunedì dopo colazione dal Villaggio per un'escursione di mezza giornata verso la foce del fiume Marta.
Il fiume Marta, chiamato anticamente Larthe, è l'unico emissario del lago di Bolsena; scorre nel Lazio, in provincia di Viterbo, nel territorio dei comuni di Marta, Tuscania e Tarquinia.
La valle formata dal Marta è stata usata, fin dalla preistoria, come importante via di comunicazione e di transumanza.
Il Marta sfocia nel mar Tirreno, dopo un corso di circa 50 km, nei pressi di Tarquinia; presso la foce sorgeva, anticamente, il porto etrusco di Martanum.
Nel 2005 i fondali tra la foce del torrente Arrone e la foce del fiume Marta sono stati proposti come siti di interesse comunitario.
Sul fiume Marta è ancora presente un insediamento dell'epoca etrusca chiamato "La Cannara". Visitabile nel comune di Marta (VT). Una fitta serie di canne era stata piantata sul passaggio del fiume per rallentare il flusso dei pesci e catturarli facilmente dal capanno sopra realizzato. Nel medioevo "La Cannara" divenne una peschiera (trappola per le anguille). La Cannara fu diretta proprietà del Papa di Roma.
 
ESCURSIONE: CITTà RUPESTRE DI VITOZZA
di Daniela Pesce
In Maremma c’è una città perduta e dimenticata, avvolta ormai dalla vegetazione, composta da più di 200 case-grotta abitate fino all’800…un insediamento rupestre che era grande e potente nel medioevo, il più grande dell’Italia centrale e facente ora parte del parco archeologico delle città del tufo, con le sorelle più conosciute: Sovana, Sorano e Pitigliano. ci immergeremo nei vicoli e nei vari piani delle grotte, alla scoperta di questa città fantasma una volta importante e vitale, oggi avvolta dalla natura.
 
 

* campo obbligatorio
Presto il consenso ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”) al trattamento dei miei dati personali ai fini di un contatto commerciale (Privacy):