Le ricette dell’estate 2014 di Luca – Zuppetta d’orzo con zenzero

In cammino verso l’Est
14/07/2014
Fanghi per il corpo per depurare la pelle e migliorare lo stato di salute
20/07/2014

Le ricette dell’estate 2014 di Luca – Zuppetta d’orzo con zenzero

Terzo appuntamento con le ricette dell’estate di Luca, il cuoco della Vacanza Mare 2014 di Tra Terra e Cielo. La zuppetta d’orzo con zenzero è salutare, leggera e rinfrescante, adatta per chi ama mettersi a tavola avendo sempre un occhio di riguardo per il proprio benessere e per coloro che seguono un regime alimentare di tipo vegano.

Vuoi assaggiare in vacanza la cucina biovegana di Luca? Scegli la tua settimana nella Vacanza Mare 2014 di Tra Terra e Cielo a Capalbio, sulla costa toscana.

Ingredienti per 4 persone:

Orzo perlato: 100 gr
Carote bio: 2
Sedano bio: 2 coste
Cipolle bio: 2
Olio extravergine di oliva: 50 ml
Zenzero: 1 tronchetto di 3 cm
Sale marino integrale: qb
Acqua bollente: 1,5 lt

Preparazione:

Lavare le carote, il sedano, pelare le cipolle e tagliarle a piccoli cubetti, pelare e grattare lo zenzero. Versare l’olio sul fondo di una pentola dal fondo spesso, unire le verdure tagliate e rosolarle a fuoco vivo. Salare, mescolare bene, aggiungere l’acqua e far cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti mescolando di tanto in tanto. Prima di servire aggiustare di sale se necessario, unire lo zenzero e servire.

(3/continua)

Luca Camilli cuoco di cucina naturale salutare, dopo tanti anni trascorsi nei ristoranti d’Italia e d’Europa, si è avvicinato con curiosità alla cultura vegetariana e macrobiotica. E’ rimasto affascinato dalla semplicità, dalla bontà e dall’energia degli numerosi alimenti offerti generosamente dalla terra. Ama ricordare che «noi siamo quello che mangiamo».

TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *