Un euro all’ora, il caso McDonald’s
26/10/2011
I miei viaggi dalla cima dell’Italia
27/10/2011

CamminAmare Basilicata, tappa 15

sul ponte della ferrovia

26 ottobre Partiamo in treno da Scanzano Jonico per raggiungere la stazione di Marina di Ginosa, dove aspettiamo gli amici che si uniscono a noi per la tappa odierna. Oggi il nostro cammino corre con un piede sulla terraferma e un piede nell’acqua, per vedere con i nostri occhi ciò che ci è stato raccontato negli ultimi giorni sulla situazione della costa jonica.
  Guadiamo il Galato e poi il lago Salinella, e, subito dopo, entriamo in Basilicata, camminando in mezzo a un mare di pini secchi, vittime dell’alluvione dello scorso marzo. Ma quando arriviamo al Bradano siamo costretti a risalire il fiume fino al ponte ferroviario, per poi ritornare sulla battigia sul lato opposto. Possiamo vedere sull’arenile una tartaruga spiaggiata e alcuni cefali morti, ma anche aironi cinerini che volano nel cielo nuvoloso. E poi vediamo l’erosione della costa: per lunghi tratti la spiaggia non c’è più, la duna, dove ancora esiste, arriva sino al mare. Si sta tentando di ridurre gli effetti negativi, forse legati alla costruzione di porti canale, mettendo massi che dovrebbero permettere la conservazione dell’arenile. Arriviamo a Lido di Metaponto ormai al crepuscolo, pronti per l’incontro pubblico, l’ultimo previsto: Banca del Tempo, Italia Nostra, Beati gli Ultimi, Krikkareggae. Ultime conoscenze, sempre belle, sempre importanti!
TraTerraeCielo
TraTerraeCielo
Abbiamo la convinzione che il cambiamento del pianeta nasca all’interno di ognuno di noi, dall’attenzione che poniamo al cibo che scegliamo, dalla qualità delle relazioni che intratteniamo con il mondo esterno e con noi stessi/e, dal tipo di benessere che ci doniamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *