Re Nudo

Re Nudo

 

Re Nudo

Re Nudo

 

Collabora con Tra Terra e Cielo

 281 visitatori online

Cerca per Periodo

Cerca un Articolo

COSA FACCIAMO

  • LEGGERE
  • Tra Terra e Cielo INFORMA:
  • - 2 newsletter (L'APpuntalapis e Vie dei Canti), 1 blog e un a-periodico di eventi e notizie nel settore della cultura olistica, del vivere naturale, delle vacanze e del viaggio

  • PARTIRE
  • Tra Terra e Cielo PROPONE:
  • 1 - soggiorni e vacanze al Mare e in Montagna curando l'alimentazione (locale, biologica, vegana, di ispirazione macrobiotica), le attività culturali e conviviali per grandi e bambini, la sostenibilità ecologica.
  • 2 - viaggi a piedi in piccolo gruppo e guidati in Italia e nel mondo. La guida ha sempre una storia da raccontare sull'itinerario.

Mare, segreti e sospiri al faro di Punta Palascia

E-mail Stampa PDF
Scritto da: Fabio Lepre

punta%20palascia%2001.jpgFonte d'ispirazione per scrittori, pittori e fotografi. Alla sua ombra migliaia di camminatori hanno trovato l'amore. Quello per la vita, per la bellezza, per la speranza di un nuovo inizio. Il faro di Punta Palascia non è una semplice torre in pietra che si leva col suo unico occhio, veglia nella notte e agita l'intimità della memoria. È il punto più orientale d'Italia, dove ogni giorno sorge la prima alba. Siamo nel Salento, in provincia di Lecce, nel territorio di Otranto e qui, ogni anno tra il 31 dicembre e il primo gennaio, un gruppo di camminatori si sveglia nel cuore della notte per ricevere la sua ricompensa: un orizzonte speciale con il sole che spunta dall'altra parte del Canale, sopra le terre a Oriente.

Questa è l'alba dei popoli in terra d'Otranto. Siamo vicini ai Balcani e due sponde diverse dello stesso mare si destano insieme. Già, non appena ci si avvicina al faro, viene persa qualsiasi connessione telefonica con le compagnie italiane e tutta la rete nella zona fa riferimento a quella della Grecia. Con lo sguardo perduto all'orizzonte si intravedono perfino le montagne dell'Albania. Un proverbio locale recita "quando se vidine le muntagne dell'Albania lu scirocco sta alla via".

Ppunta%20palascia%2004.jpgalascia è vento, mare, profumi, paura, sospiri, lavoro. Il faro, imperturbabile testimone degli eventi della storia, è uno dei cinque del Mediterraneo tutelati dalla Europa, uno dei 161 in Italia. Come racconta Paolo Rumiz, viandante senza pace, uno che di fari se ne intende, questi sono posti in cui si impara a decrittare l'arrivo di una tempesta, ad ascoltare il vento, a convivere con gli uccelli, a discorrere di abissi, a riconoscere le mappe smemoranti del nuovo turismo da crociera e i segni che allarmano dei nuovi migranti, a trovare la fraternità silenziosa di un pasto frugale.

E così, un piccolo gruppo di fortunati camminatori cerca ogni anno di acciuffare quel primo raggio di sole che riscalda l'anima e porta bene. Totò Inguscio, salentino, ne è la guida: «Camminare di notte è emozionante ed è un'esperienza che auguro e consiglio a tutti. È un modo divertente e salutare per accogliere il nuovo anno nell'armonia della notte, senza il frastuono che tanto spaventa gli animali, domestici e selvatici. Ed è anche un invito a uscire dai soliti schemi». Insomma, «niente baraonde, schiamazzi e feste piene solo di rumore, ma una serata silenziosa, da passare immersi nella natura, lontani dal caos e dalle luci cittadine. La zona scelta per il viaggio di Capodanno è tra le meno antropizzate del Salento, ci si muove tra vecchie carraie, strade romane, antichi tratturi, scogliere a picco sul mare per arrivare a Punta Palascia».

Naturalmente il viaggio non è solo Punta Palascia (con l'accento sulla i), ma anche la Valle dell'Idro con i suoi segreti millenari e la Valle dei Cervi con le sue pitture preistoriche per un viaggio a piedi nel tempo. Un assaggio del cammino è l'inizio del film Mine vaganti di Ferzan Özpetek: cinque minuti di meritata celebrità per questo fazzoletto di terra.


punta%20palascia%2002.jpg

Lo scrittore alessandrino Rocco Cotroneo racconta come i pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascia riescano a scorgere un brillio sulla superficie dell'acqua quando, in certe giornate, le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele. Sono i riflessi dorati di qualcosa di simile a una tromba.


Che ne pensi? Scrivi nello spazio commenti qua sotto o mandaci una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


RIFERIMENTI:

L'Alba dei Popoli in Terra d'Otranto




Torna Indietro »

consorzio assicurativo etico socialeTurismo Responsabile

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies